LO STATUTO

DENOMINAZIONE SEDE DURATA

Art. 1
E' costituita in Vimercate il giorno 13/9/1994 l'associazione "Con i Campesinos - ONLUS".

L'associazione ha sede a Velasca (Fraz. di Vimercate) in Via De Amicis 2, 1. La durata prevista e' illimitata.

Essa dovra' utilizzare, in qualsivoglia segno distintivo o comunicazione rivolta al pubblico, la locuzione "Organizzazione Non Lucrativa di Utilita' Sociale" o l'acronimo "ONLUS".

SCOPI E FINALITA'

ART. 2
L'associazione e' una Organizzazzione Non Lucrativa di Utilita' Sociale, che ha come scopo il perseguimento di finalita' di solidarieta' sociale nei settori della beneficienza e della promozione di una cultura di pace e solidarieta' .

Essa non si identifica in alcun schieramento politico o gruppo confessionale.

All'associazione e' vietato effettuare attivita' al di fuori di quelle che perseguono finalita' di solidarieta' sociale (indicate all'art 2) ad esclusione delle attivita' ad esse direttamente connesse.

L'ASSOCIAZIONE SI PROPONE DI :
A) Incidere sulle cause che generano sfruttamento e ingiustizia attraverso la rivalutazione del valore fondamentale della solidarieta', intesa non come puro e semplice aiuto generico, ma come sostegno diretto a superare condizioni particolari di indigenza, e come apprezzamento dei valori propri di popoli di razza, nazionalita', cultura religiosa e situazione sociale differente.

B) Promuovere azioni che tendano ad eliminare le forme di sfruttamento e di dipendenza attualmente esistenti fra Paesi ricchi e Paesi poveri;

C) Favorire le condizioni per un autosviluppo sostenibile dei Paesi economicamente piu' deboli , basato sulla valorizzazione delle risorse interne.

D) Diffondere e favorire una cultura di pace e solidarieta' .

ART. 3
In conformita' a questi principi e per rispetto ad essi l'Associazione riconosce a tutti i suoi membri, come a tutte le persone con le quali collaborano, il diritto inalienabile di perseguire il pieno sviluppo della propria personalita' secondo le convinzioni della propria coscienza.

OGGETTO SOCIALE

ART. 4
Per raggiungere gli scopi indicati nell'articolo due, l'associazione si propone di :
A) Finanziare e promuovere nei paesi poveri microprogetti di sviluppo che abbiano le seguenti caratteristiche:
- Rispondano alle reali esigenze delle popolazioni locali
-Beneficino non un singolo ma un gruppo organizzato o una collettivita'
-Possibilmente sviluppino delle attivita' in grado produrre occupazione e reddito al fine di migliorare le condizioni di vita delle popolazioni locali
-Siano gestiti da persone residenti o abbiano come responsabili volontari motivati che operino nel luogo dove si realizzera' il progetto.

B) Favorire la conoscenza, la diffusione di prodotti artigianali, alimentari e manufatti provenienti dai paesi poveri, ma che rispondano ai seguenti requisiti:
- siano prodotti senza lo sfruttamento da parte di uomini su altri uomini
- siano prodotti nel rispetto della natura e dell'ambiente

C) Raccogliere, produrre e divulgare materiale di informazione (giornali, volantini, libri, pubblicazioni in genere, audiovisivi, banca dati informatica ...) concernente tematiche attinenti agli scopi dell'associazione.

D) Organizzare incontri, conferenze e iniziative di educazione sui seguenti temi: rapporti nord-sud del mondo, educazione allo sviluppo, cooperazione, commercio equo e solidale.

SOCI

ART. 5
La qualifica di socio si acquista mediante domanda di iscrizione presentata, anche verbalmente, al consiglio direttivo e accettata dallo stesso a suo insindacabile giudizio.

Possono essere soci le persone che condividono lo spirito dell'associazione, si impegnino personalmente per la realizzazione delle sue finalita' ed abbiano versato la quota sociale annuale stabilita dall'assemblea. Ogni socio puo' esprimere un voto ed eventualmente un secondo per delega scritta ricevuta da altro socio.
La qualifica di socio e la relativa quota associativa non e' trasferibile a terzi.

Il numero di soci e' illimitato.

ART. 6
La qualifica di socio puo' venir meno per :
A) recesso volontario

B) decadenza.

Puo' esser dichiarato decaduto il socio che :
A) manifesta disinteresse nei confronti dei fini dell'associazione o agisce violando il presente statuto

B) non e' in regola con il pagamento dei contributi associativi.

I soci receduti o decaduti non hanno diritto alla restituzione delle quote associative ed eventuali contributi gia' versati, ne' hanno alcun diritto sul patrimonio dell'Associazione.

FONDO SOCIALE - ENTRATE DELL'ASSOCIAZIONE

ART. 7
L'associazione non ha scopi di lucro e fara' fronte ai propri oneri attraverso le seguenti modalita' di finanziamento :
A) contributi dei soci

B) contributi di privati

C) contributi dello Stato, di Enti o di associazioni pubbliche, finalizzate esclusivamente al sostegno di specifiche e documentate attivita' o progetti

D) contributi di organismi internazionali

E) donazioni di modico valore

F) rimborsi derivanti da convenzioni

G) entrate derivanti da attivita' direttamente connesse

L'utile o l'avanzo di gestione dovra' essere impiegato per la realizzazione delle attivita' istituzionali e di quelle a esse direttamente connesse; tali utili, avanzi di gestione, fondi o riserve non potranno, in ogni caso, essere distribuiti tra i soci, neanche in modo indiretto.

ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE

ART. 8
Sono organi dell'associazione :
- l'assemblea generale dei soci
- il consiglio direttivo
- il presidente

ART. 9
L'assemblea viene convocata con l'invio a tutti i soci di una comunicazione scritta (lettera, fax, posta elettronica o altro mezzo) almeno 20 giorni prima.

L'assemblea regolarmente convocata e' valida in prima convocazione se e' presente la maggioranza dei componenti aventi diritto al voto. In seconda convocazione e' valida qualunque sia il numero dei soci presenti. Le decisioni dell'assemblea sono prese a maggioranza semplice.

L'assemblea dei soci e' il massimo organo deliberativo e puo' essere: ordinaria o straordinaria .
A) L'assemblea ordinaria si riunisce una volta all'anno ed ha i seguenti compiti:
- decide l'entita' delle quote sociali annuali
- delinea le direttive di carattere generale per l'attivita' dell'Associazione
- approva il bilancio o rendiconto consuntivo e preventivo della gestione economica annuale .
- nomin a i membri del consiglio direttivo e, tra questi, un incaricato alla tenuta della contabilita'
- nominare il presidente e il vicepresidente

B) L' assemblea straordinaria puo' essere indetta dal Presidente o dalla maggioranza dei soci e ha i seguenti compiti:
- deliberare modifiche al presente statuto
- deliberare lo scioglimento dell'associazione
- deliberare su ordini del giorno proposti dal Presidente o dalla maggiornaza dei soci

Gli associati maggiori d'eta' hanno diritto di voto per la nomina degli organi direttivi dell'associazione, per l'approvazione delle modifiche allo statuto e di eventuali regolamenti.

Le delibere, i bilanci o i rendicondi approvati dall'Assemblea, possono essere consultati presso la sede dell'Associazione e inviati, in copia, ai soci che ne fanno richiesta.

ART. 10
Il consiglio direttivo e' composto da 5 a 15 membri eletti dall'assemblea ordinaria ed ha il compito di attuare le direttive generali stabilite dall'Assemblea per il conseguimento dello scopo sociale .

Spetta al consiglio direttivo:
A) provvedere all'amministrazione e al rispetto degli obblighi formali delle organizzazioni non lucrative di utilita' sociale

B) organizzare il funzionamento generale dell'Associazione e redigere il programma annuale

C) redigere, entro 4 mesi dalla chiusura dell'esercizio, un bilancio o rendiconto annuale secondo le disposizioni di legge, da presentare all'assemblea

D) delegare a gruppi di lavoro o distribuire fra i soci mansioni specifiche, per lo studio di determinati problemi

I membri del consiglio direttivo e i responsabili da esso nominati durano in carica due anni.

ART. 11
Il presidente ha la legale rappresentanza dell'associazione e la firma sociale. Allo stesso spetta quindi:
A) presiedere il consiglio direttivo

B) convocare l'assemblea dei soci

C) avere la rappresentanza con gli Enti pubblici e curare ogni rapporto con terzi

D) promuovere le deliberazioni del consiglio e curarne l'esecuzione, nonche' prendere, in caso di necessita' e di urgenza, tutti i provvedimenti che riterra' piu' opportuni per il miglior andamento dell'associazione e che saranno ratificati dal consiglio in seduta da convocarsi entro trenta giorni

In caso di impedimento del presidente, ne fa le veci il vicepresidente.

Il presidente e il vice restano in carica due anni.

ART. 12
In caso di scioglimento dell'associazione, il suo patrimonio netto sara' devoluto ad ONLUS aventi finalita' analoghe o a fini di pubblica utilita' , secondo le indicazioni dell'assemblea, nel rispetto del presente statuto e delle normative vigenti.

ART 13.
Per tutto quanto non e' previsto dal presente statuto si fa rinvio alle norme di legge ed ai principi generali dell'ordinamento giuridico italiano.